home  |  il parco ventaglieri  |  come raggiungerlo  |  mappa  |   storia del parco sociale  |  le cose fatte e dette  |   pratiche participative

tavolo di gestione  teatro nel verde  |  il carnevale a montesanto  |  le piazze dell'economia solidale  |  la cittadella dei bambini  | video  |  link  |  contatti

       
     
   

 

 
     
     
   

 

architettura partecipata al parco ventaglieri

 
 

 

 
 

 

Alcuni incontri in Circoscrizione per decidere l'assetto delle Scale mobili e del Parco Ventaglieri

 

 

Condividi

 

Nei mesi di Maggio e Giugno ’04 si sono svolte con ritmo settimanale numerose riunioni presso la Circoscrizione Avvocata-Montecalvario per decidere la sistemazione della parte bassa del Parco Ventaglieri   utilizzando  fondi, destinati alla manutenzione ordinaria di parchi e giardini. Hanno partecipato alle riunioni: Elisabetta Gambardella, presidente della circoscrizione, il consigliere Chirico, alcuni insegnanti della Scuola E. Pimentel Fonseca,  gli architetti  S. Santagata e. M. Mellucci del Servizio Progettazione e Valutazione Ambientale, una delegazione del Damm e una del Forum Tarsia. Alla luce delle esperienze maturate in questi anni nel quartiere sia dal Forum che dal  Damm e dalle esperienze dell’Arch. Santagata in situazioni simili  è emerso che l’unica strada percorribile per poter finalmente raggiungere una piena fruizione  della struttura sia l’utilizzo dei metodi e le pratiche della progettazione partecipata. Questa prevede il coinvolgimento dei futuri e possibili utenti   del Parco nell’elaborazione dei progetti di  recupero e di arredo della struttura.

Per poter realizzare il coinvolgimento della cittadinanza è innanzitutto necessario che essa possa accedere al Parco ed  è anche auspicabile che nel Parco vengano organizzati momenti ed eventi di aggregazione, durante i quali  vengano raccolte le esigenze ed eventualmente i pareri su bozze di possibili progetti

Pertanto il Damm, il Forum  Tarsia e buona parte delle Associazioni  aderenti al CAMeO  ritengono che sia  indispensabile e prioritario utilizzare parte di tali fondi per

1) rendere funzionanti le Scale Mobili del Parco

2) realizzare le opere minime atte a rendere il luogo agibile,

Entrambi gli interventi appaiono necessari   per  procedere alla apertura al pubblico del parco. Contestualmente tali associazioni, per rendere un utile servizio al quartiere, si  dichiarano disponibili alla strutturazione di un percorso-laboratorio di progettazione partecipata a partire dal prossimo autunno che coinvolga il quartiere e le scuole nella costruzione di un progetto ampio e condiviso che miri all’utilizzo del parco in tutte le sue parti.

 

home  | inizio pagina  | webmaster